BIOGRAFIA / BIOGRAPHY

Glenda La Rocca nasce a Licata (AG) il 25 luglio 1982, dove vive fino all’età di 18 anni.

Nel 2000 si trasferisce a Roma, dove attualmente vive, per iniziare gli studi accademici.

Nel 2005 intraprende la carriera di truccatrice cinematografica, che tuttora svolge. Tra i principali lavori si annoverano serie televisive italiane (da “Onore e rispetto” a “Il paradiso delle signore”) e straniere (“CATCH 22” di george Clooney), alcuni film italiani (tra cui “Ciao brother” con Pablo e Pedro e “L’indesiderato” con Aldo Baglio), per approdare infine al cinema internazionale lavorando sul set di grandi registi tra i quali Ridely Scott (“All the money”) e Michael Bay (“Six Underground”).

Collabora contemporaneamente con alcune gallerie d’arte del territorio tra cui Galleria Pentart di Carlo Morleni e Tornatora Art Gallery di Mariagrazia Londrino e partecipa a numerose monstre collettive.

La sua ricerca pittorica muove dall’osservazione della natura i cui elementi vengono quasi sempre isolati e ingigantiti rendendone difficile la riconoscibilità immediata. Nelle opere di Glenda La Rocca è sempre presente un richiamo alla sfera dell’umano, dalle emozioni al linguaggio del corpo.

_______ 

Glenda La Rocca was born in Licata (AG) on 25 July 1982, where she lives until the age of 18.

In 2000 she moved to Rome, where she currently lives, to start academic studies.

In 2005 she began her career as a make-up artist, who still performs. Among the main works are Italian TV series (from “Onore e rispetto” to “Il paradiso delle signore”) and international TV series (“CATCH 22” by George Clooney), Italian movies (including “Ciao brother” with Pablo and Pedro and “L’indesiderato” with Aldo Baglio), to finally reach the international cinema working on great directors sets including Ridely Scott (“All the money”) and Michael Bay (“Six Underground”)

She collaborates with some art galleries in the area, including the Pentart Gallery by Carlo Morleni and Tornatora Art Gallery by Mariagrazia Londrino.

Her artistic research moves from the observation of nature whose elements are almost always isolated and magnified, making it difficult to recognize immediately. In the works of Glenda La Rocca there is always a reference to the sphere of the human, from the emotions to the language of the body.

 

PRINCIPALI MOSTRE
MAIN EXHIBITIONS

  • 29 maggio – 29 giugno 2018
    “Contaminazioni Arte e Cibo”
    Mostra collettiva
    ROYALBEEF
    Via Rutilio Namaziano, Roma.
  • 3 -14 maggio 2017
    “Arte in Cammino”
    Mostra collettiva
    Premio Capitolium 2017” Roma
    Sale del Bramante, Roma.
  • 21 – 27 febbraio 2017
    “Triennale CULT” ed.2017
    Mostra collettiva
    Associazione culturale Plus ARTE Puls.
  • 24 – 27 settembre 2015
    Fiera “Artiste Du Monde” Cannes
    Mostra collettiva
    con Tornatora Art Gallery, Roma.
  • 8 – 14 gennaio 2013
    “Dioscuri…Art”
    Mostra collettiva
    Teatro dei “Dioscuri al Quirinale”
  • Novembre 2012
    Concorso Pentart
    Mostra collettiva
    Galleria Pentart, Vicolo del 5, Roma
  • 27 ottobre – 4 novembre 2012
    Moa Casa
    Spazio dedicato al Time Lab di Michele Fanfulli
  • Ottobre 2012
    Mostra collettiva
    Selezione Concorso Art Contest 2012
    Centro Tian Qi “Soffio del Cielo”, Milano.
  • 9 – 15 settembre 2011
    “Opere Scelte”
    Mostra collettiva
    Galleria Pentart
    vicolo del Cinque Roma.
  • 2010
    Premio Campo De’ Fiori Migliore Artista
    Mostra collettiva
    Galleria d’arte Il Trittico Arte Contemporanea
    Sale dell’Accademia di Romania in Roma.
  • 10 marzo 2007
    ‘ Seminfesta’
    Mostra collettiva
    Stabile dell’Ex istituto delle Maestre Pie Filippine
    Frascati
  • 8-22 marzo 2007
    ‘Il Genio Femminile’
    Mostra collettiva
    Stabile dell’Ex istituto delle Maestre Pie Filippine
    Frascati
  • Dicembre 2006
    Mostra personale
    Centro Internazionale OAD
    Via Del Corso, Roma
  • 2002
    “Arte al cubo”
    Mostra collettiva
    Accademia di Belle Arti, Roma.
    Altre esposizioni all’interno degli spazi dell’Accademia realizzate durante gli anni di studio: – “Leporello” – “Racconti del cuscino” – “Autoritratti” – “Draghi di terra e draghi volanti” – “Porte aperte”